Anello La Foce di Chianciano – Riserva di Lucciola Bella – Palazzone – Castelluccio

Un nuovo percorso in Val D’Orcia che ci permette di apprezzarne completamente le bellezze ed il fascino particolare. Certamente uno degli angoli della Toscana che non possono mancare nel bagaglio di un appassionato camminatore.

Punto di partenza : La Foce di Chianciano

Punto di arrivo : La Foce di Chianciano

Lunghezza sentiero : 13 chilometri (circa)

Zona attraversate : Val D’Orcia

Punti di interesse : La Foce – Chianciano – Riserva Lucciola Bella – Castelluccio – Monticchiello

Difficoltà percorso : E

Descrizione :

Si parte dalla Foce di Chianciano (551 mslm) dove è possibile lasciare i mezzi al parcheggio della Villa. Occorre fare circa un chilometro e mezzo in discesa sulla strada provinciale per giungere, sulla destra, ai piedi della salita (400 mslm) che, in rapida sequenza di tornanti, ci porta sul crinale della Riserva di Lucciola Bella (570 mslm). La strada bianca che seguiamo è quella celeberrima di cento spot televisivi. Ma sopra il terreno del crinale della Riserva ci attende un altra piacevole sorpresa. Specialmente se il terreno è stato lavorato di fresco, vi affiorano centinaia di fossili marini, mitili, conchiglie, bivalve, che all’occhio di un cercatore esperto non possono che denunciare l’antica veste di un fondale marino. E’ davvero impressionante pensare come il territorio si sia potuto sollevare da sotto il mare per dare forma a queste dolcissime colline che si lasciano ammirare in una lontananza che raramente è possibile vedere. Noterete così senza difficoltà il Monte Amiata e la Rocca di Tentennano, Radicofani, Pienza e Montalcino. Attraversiamo nude biancane e campi coltivati a grano fino ad arrivare, dopo aver costeggiato il piccolo agglomerato di Palazzone, alla strada provinciale che porta a Monticchiello (675 mslm). Prendiamo a destra per circa un chilometro e mezzo, costeggiando uno dei rari esempi di bosco ceduo rimasti, fino a quando incrociamo sulla destra la strada bianca, molto larga, che ci riporta verso la Foce, non prima di visitare Castelluccio (645 mslm), un piccolo castello ma con una lunga storia, anche sanguinosa, che vi invitiamo a scoprire. Per terminare la giornata nel miglior modo possibile merita visitare il giardino all’italiana della Villa della Foce, da dove è possibile godere, dalle sue numerose finestre naturali, degli scorci e dei paesaggi che rimarranno certamente nella vostra memoria. Un’ ultima considerazione sul periodo adatto per il percorso: non andateci in estate perché non vi troverete un albero che vi potrà fare ombra, ma evitate anche le giornate piovose perché il terreno sulle biancane vi tratterrà senza scampo.

 

 

 

Anello – Foce Chianciano – Lucciola Bella – Castelluccio